L’Aquila: sì del Comune a Centri di comunità nel progetto C.A.S.E.

CONDIVIDI

La Giunta comunale dell’Aquila ha approvato il protocollo d’intesa per la gestione dei Centri di comunita’ da realizzare a cura della Caritas all’interno delle aree polifunzionali del progetto CASE.
.
La delibera e’ stata presentata dall’assessore alle Politiche sociali, Stefania Pezzopane, su proposta del sindaco, Massimo Cialente. Le strutture sorgeranno negli insediamenti di Roio Poggio, Cese di Preturo e Sassa (Nucleo industriale) e verranno gestite dalla Caritas attraverso la Fondazione diocesana don Natale Chelli (cedute dall’amministrazione comunale in comodato d’uso gratuito per 20 anni).
.
I Centri di Comunita’ “avranno carattere sociale” recita la delibera “e saranno caratterizzate da ampi saloni funzionali, quali luoghi per la promozione di attivita’ sociali, culturali, pastorali e ricreative pensati per rafforzare il tessuto sociale”. “Attraverso questo atto, richiesto dalla stessa Caritas – spiega Cialente – speriamo possano finalmente partire i lavori per la realizzazione dei centri polifunzionali a servizio dei nuovi quartieri del progetto CASE.
.
Si tratta di strutture – aggiunge – che rivestono un’importanza fondamentale ai fini sociali e aggregativi nei quartieri di nuovo insediamento. Auspico, inoltre, che con questo provvedimento si possa sbloccare anche l’iter legato alla creazione del Centro per le disabilita’ gravi della fondazione ‘Dopo di noi’ a Pagliare di Sassa”. La Giunta comunale ha approvato anche il regolamento condominiale per gli insediamenti del progetto CASE e dei Map.
.
“Il regolamento – puntualizza ancora il Sindaco – non si riferisce, al momento, a quote condominiali, per le quali e’ in fase di redazione una nuova ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri, su proposta del Comune. Si sofferma invece – prosegue – su regole e disciplinari che fanno riferimento alla garanzia e alla tutela della quiete pubblica, all’igiene e al decoro degli spazi condominiali e al rispetto delle norme della civile convivenza”.