L’Aquila: nominato super perito per crollo palazzo con 17 vittime

CONDIVIDI

E’ Marco Locatelli, docente al Politecnico di Milano, il super perito incaricato di chiarire la genesi del crollo di un palazzo in via generale Francesco Rossi, all’Aquila, a seguito del terremoto di due anni fa e costato la vita a 17 persone. Locatelli e’ stato nominato ieri dal giudice del Tribunale dell’Aquila, Giuseppe Romano Garganella.

Il consulente, che ha annunciato l’avvio delle perizie il prossimo 30 giugno con un primo sopralluogo in via Rossi, e’ chiamato a dirimere i dubbi meramente tecnici dell’implosione dell’edificio e fornire un parere su possibili negligenze umane nella sua costruzione originaria e nella successiva copertura in cemento armato. L’esito conclusivo sara’ depositato il prossimo 21 novembre, mentre l’udienza e’ stata aggiornata al primo dicembre. Per questo ramo d’inchiesta della Procura dell’Aquila, guidata da Alfredo Rossini, sono imputati gli ingegneri Diego De Angelis, che fu direttore dei lavori e amministratore del condominio, e Davide De Angelis, collaudatore, nonche’ il titolare dell’impresa che fece i lavori, Angelo Esposito.

Secondo i pm, la tragedia sarebbe avvenuta a causa della ristrutturazione del tetto, risultato cosi’ appesantito, ignorando le conseguenze sotto il profilo della tenuta sismica con i carichi maggiori. I tre sono chiamati a rispondere di omicidio colposo, lesioni e disastro colposo, mancate misurazioni di adeguamento statico ed omissioni nei collaudi.

 (ASCA)