GABRIELLI: “QUELLO CHE È SUCCESSO È IL FRUTTO AVVELENATO DELL’AQUILA”

CONDIVIDI

franco_gabrielliVedi anche: L’Aquila, non è una condanna per non aver previsto il terremoto

Il responsabile della protezione civile nazionale: “I sindaci si sono comportati bene ma non c’è stato eccessivo allarmismo né “scaricabarile” tra istituzioni. “Dopo il sisma in Abruzzo c’è il la paura che ogni informazione possa essere usata come una sottovalutazione”.

da Repubblica – Ciò che è accaduto la notte scorsa in Garfagnana é anche il “frutto avvelenato della sentenza de L’Aquila” sulla commissione grandi rischi. Lo dice il capo della protezione civile Franco Gabrielli ribadendo che non si tratta né di un “eccessivo allarmismo” né, tantomeno, di uno “scaricabarile” tra istituzioni che non vogliono assumersi le proprie responsabilitá.

“Con il senno di poi é facile dire che si doveva fare in maniera diversa – aggiunge Gabrielli – In tutta questa vicenda gli unici che non devono subire le conseguenze delle polemiche sono i sindaci, che hanno agito in maniera corretta. Gabrielli in una intervista a Sky tg24, ha ringraziato i sindaci della zona. “Sottoscrivo integralmente quanto già evidenziato dai sindaci sull’opportunità delle decisioni assunte. I sindaci – ha aggiunto – si sono comportati in maniera perfetta, confermando la mia impressione quando ero andato in quelle zone, dove avevo trovato un sistema pronto. Non vorrei – ha proseguito – che passasse un messaggio di ‘scaricabarile’, come qualcuno ha scritto. Le idee sulla situazione in quell’area sono purtroppo molto chiare: è un territorio altamente sismico, come hanno confermato gli esiti di recenti riunioni. Quando è arrivata dall’ Ingv una ulteriore segnalazione di richiamo all’attenzione, è stato veicolata ed è stato trovato un territorio che ha risposto. Mi auguro – ha concluso – di avere tanti sindaci come quelli della Garfagnana”.


È innegabile però che L’Aquila ha cambiato il modo di agire e di pensare. “Il frutto avvelenato di quella vicenda – dice Gabrielli – sta nell’atteggiamento che da allora in avanti verrá tenuto. E nel caso dell’Ingv, la preoccupazione che ogni informazione possa essere utilizzata come una sottovalutazione, fa sì che se si deve dire A si dice A +. Si mettono le mani avanti e noi dobbiamo fare i conti con questa situazione”.

Quanto al Dipartimento, “cosa avremmo dovuto fare?”, chiede ironicamente Gabrielli. “Tenere le informazioni nel cassetto. Noi abbiamo deciso, nell’ottica della più totale trasparenza che abbiamo da sempre adottato, di renderla pubblica. Se questo é allarmismo, allora andatelo a dire ai sei imputati dell’Aquila”.